Tag Archive | sopa

ACTA, si leva la protesta

Gli echi della fragorosa rivolta anti SOPA e PIPA non si sono ancora smorzati e già si levano le voci di chi non vuole bavagli alla libertà di espressioni in rete.

L’ACTA, Anti-Counterfeiting Trade Agreement (“accordo anti-contraffazione”)
è un’accordo già sottoscritto da 40 nazioni e molte grandi corporazioni quali  eBay, Google Inc., Intel, News Corporation, Sony, Time Warner e Verizon (fonte wikipedia) ma anche Monsanto, Pfizer e Glaxo, giganti dell’Agroalimentare.

La UE ha oggi firmato il trattato, entro sei mesi verrà probabilmente rateizzato, quindi, dai suoi stati membri.

A preoccupare è l’obbligo di azione preventiva da parte dei provider internet nei confronti dei propri utenti, dei contenuti delle ricerche, ma anche della possibilità di un controllo delle più grandi case farmaceutiche sulla produzione e distribuzione di farmaci generici, importanti per i paesi poveri e per l’operato delle ONG.

Si sono oggi susseguite voci su attacchi di attivisti e hacker ai siti del governo Polacco che ha sottoscritto ACTA, e al Social network Facebook, tra i fautori.

Dunque dopo la minacciata “serrata” dei grandi del web contro SOPA e PIPA, una rivolta di attivisti e utenti contro ACTA: ci saranno sviluppi.

Sciopero contro SOPA, la bufala non bufala

La notizia che lo sciopero contro SOPA e PIPA della rete di Google, Yahoo, Facebook e Twitter del 23 gennaio 2012 era una bufala è probabilmente una bufala.

In effetti lo sciopero non ha avuto ragione di essere perché il congresso americano ha già fatto un passo indietro grazie all’iniziativa, partita nei giorni precedenti, di Wikipedia, WordPress, Firefox ed altri (7000 secondo Firefox) che hanno oscurato il sito o pubblicato banner, annunci, link o altro.

Grande risalto ha avuto naturalmente il Doodle di Google sul suo sito internazionale anglofono google.com, nel quale ha oscurato il suo logo con una banda nera.

Tra le innumerevoli voci che si sono levate contro il SOPA c’è anche il presidente Obama che ha dichiarato che avrebbe posto un Veto se la legge fosse passata, e Mark Zuckerberg che per l’occasione ha persino rispolverato il suo account Twitter per postare contro SOPA ed invitare gli Americani e fare pressione sugli uomini del congresso.

Quindi, anche se non c’è mai stata una dichiarazione di sciopero per il 23 Gennaio ufficiale da parte di Facebook, Google e Yahoo, di fatto hanno partecipato attivamente alle proteste anti SOPA e PIPA, e con molta probabilità se SOPA e PIPA non fossero stati fermati avremmo assistito al primo grande sciopero globale di INTERNET, nella forma di una Serrata dei più grandi e popolati servizi WEB.

Chi sostiene che losciopero anti SOPA è una Bufala è naturalmente in cattiva fede e non tiene conto della cronologia degli eventi, e qualcuno di loro probabilmente desidera leggi liberticide come SOPA e PIPA.

Per approfondire:

Cosa è SOPA spiegato su Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Stop_Online_Piracy_Act

Sul veto di Obama al SOPA: http://www.articolo21.org/8444/editoriale/il-veto-di-obama-sulla-sopa.html

Sul post di Mark Zuckerberg sul suo accoun Facebook contro SOPA: https://pubbli.wordpress.com/2012/01/26/mark-zuckerberg-contro-sopa-posta-sul-suo-account-twitter/

GOOGLE LOGO NO SOPA

La pagina di google con il logo coperto in segno di protesta

FIRFOX LOGO SOPA

firefox-sopa

WIKIPEDIA LOGO ANTI SOPA

Pagina Wikipedia anti SOPA

WORDPRESS ANTI SOPA

Pagina di WordPress anti SOPA

Mark Zuckerberg contro SOPA posta sul suo account Twitter

MARK ZUCKERBERG CEO di FACEBOOK

Mark Zuckerberg

A Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, sta talmente a cuore la battaglia contro SOPA che per l’occasione rispolvera il suo account Twitter per postare contro SOPA e PIPA.

Nello stile Twitter il cinguettio è un semplice invito e un link(https://twitter.com/#!/finkd/status/159700472020733952) che recita “Dì ai tuoi uomini del congresso di essere pro-internet. Il mio post Facebook è qui https://www.facebook.com/zuck/posts/10100210345757211″.

Nella pagina Facebook Mark Zuckerberg snocciola i suoi forti argomenti contro SOPA, a favore di una rete libera e aperta e contro leggi restrittive che rischiano di cancellare la libertà di espressione, tuttavia chiarendo la propria posizione su diritti di autore e marchi registrati, la sua politica aziendale in proposito ed eventuali proposte di legge migliori di SOPA e PIPA.

Facebook Logo

SOPA PIPA

Alcune immagini raccolte in rete durante lo sciopero anti SOPA (Stop Online Piracy Act) e PIPA (Protect IP Act) del 18 Gennaio cui hanno aderito tra gli altri Wikipedia, Google, WordPress, Firefox, Facebook

e moltissimi altri

Sopa italiano, la legge che minaccia il Web | Guido Scorza | Il Fatto Quotidiano

il fatto quotidiano

Irresponsabile, anacronistico, anti-europeo e liberticida: sono questi gli aggettivi che – assieme a molti altri – possono essere utilizzati per definire l’emendamento alla legge comunitaria 2011, con il quale l’on. Fava (Lega Nord) minaccia di attuare, nel nostro Paese, l’infausto progetto – nome in codice Sopa – che il Congresso degli Stati Uniti d’America è stato costretto ad abbandonare dopo lo sciopero della Rete dichiarato, nei giorni scorsi, dai giganti del Web.

L’emendamento, approvato giovedì scorso dalla Commissione per le politiche comunitarie, stabilisce – tra l’altro – che chiunque possa chiedere a un fornitore di servizi di hosting di rimuovere qualsivoglia contenuto pubblicato online da un utente sulla base del semplice sospetto – non accertato da alcuna Autorità giudiziaria né amministrativa – che violi i propri diritti d’autore e che, qualora il provider non ottemperi alla richiesta, possa essere ritenuto responsabile.

Un’inaccettabile forma di privatizzazione della giustizia:

viaSopa italiano, la legge che minaccia il Web | Guido Scorza | Il Fatto Quotidiano.

%d bloggers like this: