Tag Archive | comunicazione

28 SOCIAL MEDIA icons set Black Instant Download from ETSY

28 socialmedia icons

28 SOCIAL MEDIA icons set Black Instant Download from ETSY.

Advertisements

EPITAFFI, TRA GENIALITÀ E COMICITÀ

L’Epitaffio è forse la forma di comunicazione più sintetica, dovendo in poche parole riassumere il senso di un’esistenza. Alcuni sono geniali, come le persone cui si riferiscono, altri irresistibilmente comici, quasi uno sberleffo al tragico evento della dipartita e al nuovo definitivo stato: una risata irriverente ed irresistibile .

Eccone alcuni:

D’altronde, sono gli altri che muoiono. (Marcel Duchamp)

 

Non curante, ma non indifferente. (Man Ray)

 

Non provare (Don’t try) (Charles Bukowski)

 

Il meglio deve ancora venire (The best has yet to come) (Frank Sinatra)

 

Giace qui da qualche parte. (Werner Heisenberg)

 

Ho finito di instupidire. (Paul Erdős)

 

Non temo nulla | Non spero nulla | Sono libero (Nikos Kazantzakis)

 

Amici non piangete, è soltanto sonno arretrato. (Walter Chiari)

 

Eccola che viene… la possino ammazalla…! (Ettore Petrolini)

 

Non fu mai impallato. (Vittorio Gassman)

 

Ho smesso di fumare (Gianfranco Funari)

 

Qui Leopoldo Fregoli compì la sua ultima trasformazione (Leopoldo Fregoli)

 

ANONIMI

 

Sono morto tante volte, ma così mai. (Tomba di un attore etrusco)

 

Ed ora che mia suocera qui giace, lei non lo so, ma io riposo in pace. (iscrizione funeraria a Tarquinia)

 

Sono qui contro la mia volontà (letto su una tomba in Romagna)

Molti altri che vale la pena di leggere li trovate su questa pagina di Wikyquote

Pubblicità e disabili, la parola d’ordine è “normalizzazione”

BOLOGNA – La tv italiana non è pronta ad affrontare il tabù della diversità. Lo dice Giovanna Cosenza, docente di Semiotica all’Università di Bologna e esperta di nuovi media e comunicazione. “Le pubblicità che ci vengono presentate a ripetizione ogni giorno seguono sempre i soliti modelli idealizzati e idealizzanti, che non hanno niente a che fare con la realtà […] È chiaro che la pubblicità ha una sua estetica, […] ma non mi dispiacerebbe che la diversità entrasse in gioco in tutte le sue forme, dal colore della pelle a quello degli occhi, fino alla disabilità, insomma che la parola d’ordine fosse ‘normalizzazione'”. Il caso, però, secondo la docente è quasi tutto italiano, visto che all’estero da anni hanno imparato a dare spazio alla diversità. […]

Lo scorso 21 marzo, in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down, alcuni famosi marchi italiani e non (Averna, CartaSi, Illy, Pampers, Carrefour, Enel e Toyota) hanno mandato in onda le loro pubblicità in una versione alternativa, sostituendo cioè ai protagonisti persone con sindrome di Down, di tutte le età. L’iniziativa è stata promossa dal Coordinamento nazionale delle associazioni CoorDown, in collaborazione con altri partner. […]

via SuperAbile INAIL, Viaggi e Tempo libero – Diversità in tv, il docente: “La parola d’ordine è normalizzazione”.

Ego VIsta, Agenzia Pubblicitaria, Agenzia di Pubblicità e Comunicazione

Logo Egovista

Se vuoi comunicare a tutti i costi, grazie alla filosofia operativa dell’agenzia di pubblicità Egovista, ora puoi farlo al costo piu basso.

Egovista è un’agenzia di comunicazione integrata, marketing e pubblicita’, specializzata nella creazione di servizi di comunicazione personalizzati e innovativi a prezzi più che competitivi.

Comunicazione low cost – high quality

Internet e le nuove tecnologie consentono ad Egovista di essere molto più di una delle tante agenzie di pubblicita’ nell’attuale panorama della comunicazione.

L’offerta di servizi della nostra agenzia pubblicitaria low-cost – high-quality e’ in continua espansione, grazie al lavoro costante dello staff di Egovista, composto da giovani professionisti della comunicazione, esperti di servizi pubblicitari e di creazione, restyling e posizionamento di siti internet.

viaAgenzia Pubblicitaria, Agenzia di Pubblicità e Comunicazione.

%d bloggers like this: