ACTA, si leva la protesta

Gli echi della fragorosa rivolta anti SOPA e PIPA non si sono ancora smorzati e già si levano le voci di chi non vuole bavagli alla libertà di espressioni in rete.

L’ACTA, Anti-Counterfeiting Trade Agreement (“accordo anti-contraffazione”)
è un’accordo già sottoscritto da 40 nazioni e molte grandi corporazioni quali  eBay, Google Inc., Intel, News Corporation, Sony, Time Warner e Verizon (fonte wikipedia) ma anche Monsanto, Pfizer e Glaxo, giganti dell’Agroalimentare.

La UE ha oggi firmato il trattato, entro sei mesi verrà probabilmente rateizzato, quindi, dai suoi stati membri.

A preoccupare è l’obbligo di azione preventiva da parte dei provider internet nei confronti dei propri utenti, dei contenuti delle ricerche, ma anche della possibilità di un controllo delle più grandi case farmaceutiche sulla produzione e distribuzione di farmaci generici, importanti per i paesi poveri e per l’operato delle ONG.

Si sono oggi susseguite voci su attacchi di attivisti e hacker ai siti del governo Polacco che ha sottoscritto ACTA, e al Social network Facebook, tra i fautori.

Dunque dopo la minacciata “serrata” dei grandi del web contro SOPA e PIPA, una rivolta di attivisti e utenti contro ACTA: ci saranno sviluppi.

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: